Differenza tra CILA e SCIA: i documenti e i costi di ogni pratica

In Italia, quando si intraprende un progetto edilizio, è fondamentale seguire le normative vigenti per ottenere le necessarie autorizzazioni. Due procedure comuni sono la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) e la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività). Entrambe permettono di iniziare lavori edilizi, ma presentano differenze significative in termini di documenti necessari e costi associati.

CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata)

La CILA è una procedura semplificata che si applica a interventi edilizi di modesta entità, come ristrutturazioni, manutenzioni ordinarie e piccoli interventi di edilizia libera. La principale caratteristica della CILA è che il professionista incaricato, solitamente un geometra o un architetto, attesta la conformità del progetto alle norme urbanistiche e edilizie senza richiedere l’autorizzazione preventiva dell’ente comunale.

Documenti Necessari per la CILA:

1. Domanda di CILA: Deve essere compilata e presentata al Comune insieme alla documentazione richiesta.

2. Planimetria dell’intervento: Deve essere redatta da un tecnico abilitato e deve indicare le modifiche apportate all’immobile.

3. Dichiarazione di conformità: Il professionista deve attestare la conformità del progetto alle normative vigenti.

4. Allegati tecnici: A seconda della tipologia di intervento, potrebbero essere richiesti ulteriori documenti, come relazioni tecniche o calcoli strutturali.

Costi Associati alla CILA:

I costi legati alla CILA sono relativamente contenuti, in quanto non sono previste tasse comunali specifiche. Tuttavia, è necessario considerare gli onorari del professionista incaricato per la redazione della documentazione tecnica.

SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività)

La SCIA è una procedura più ampia, applicabile a interventi di maggiori dimensioni o a opere che coinvolgono un cambiamento di destinazione d’uso. Contrariamente alla CILA, la SCIA richiede un’autorizzazione preventiva da parte dell’ente comunale, che deve essere concessa entro 30 giorni dalla presentazione della segnalazione.

Documenti Necessari per la SCIA:

1. Domanda di SCIA: Deve essere compilata e presentata al Comune, indicando dettagliatamente il tipo di intervento.

2. Progetto esecutivo: Redatto da un professionista abilitato, il progetto esecutivo contiene dettagli tecnici, planimetrie e relazioni necessarie per comprendere l’intervento.

3. Dichiarazione di conformità urbanistica ed edilizia: Attesta che l’intervento è conforme alle normative vigenti.

4. Pareri e nulla osta: Potrebbero essere richiesti pareri da parte di enti come la Soprintendenza, la ASL (Azienda Sanitaria Locale) o altri organi competenti.

Costi Associati alla SCIA:

I costi per la SCIA sono più elevati rispetto alla CILA, in quanto sono previste tasse comunali e spese per l’istruttoria della pratica. Inoltre, i professionisti incaricati della redazione del progetto esecutivo e della gestione della pratica possono richiedere onorari più consistenti.

In conclusione, la scelta tra CILA e SCIA dipende dalle caratteristiche dell’intervento edilizio. Mentre la CILA è più adatta per lavori di modesta entità, la SCIA è necessaria per progetti più complessi. È sempre consigliabile consultare un professionista del settore per valutare la procedura più adatta e per ottenere un supporto nella redazione della documentazione necessaria.

Compare listings

Confrontare
Chat
Chattiamo
Ciao,
come posso aiutarti